LE LETTURE

Sabato 4 maggio ore 17.30 – Canonica di San Salvatore, via Castello
Ilaria Mazzarotta
Delizie croccanti. Crumble, panature e altre ricette che fanno… croc!
Gribaudo editore
Crumble, gratinati e panature. Queste le parole d’ordine di un ricettario che stupisce per la bellezza delle immagini e per la creatività delle ricette. Cosa hanno in comune crumble, granole, barrette, gratinature? Semplice, rimandano tutte a una cucina gustosa e a tante briciole che scricchiolano. Via libera, allora, a gustose prime colazioni a base di cereali, muesli e frutta secca, frolle dolci e salate , cotolette classiche o alternative di carne e pesce… Il risultato è uno splendido ricettario che scrocchia, pensato per tutte le stagioni e per tutti i gusti, per un aperitivo o una cena fra amici, ma anche per una pausa pranzo diversa dal solito. Completano il libro tantissimi consigli e idee nuove, per portare in tavola la croccantezza!

Sabato 11 maggio ore 17.30 – Canonica di San Salvatore, via Castello
Lydia Capasso (con Maria Teresa Di Marco)
La cucina di Napoli.
Guido Tommasi Editore
La cucina napoletana, assai più di altre tradizioni, ha in bocca la storia e lo spirito di una città che non ha uguali. Mastica la semplicità, gode dell’eccellenza dei prodotti e soprattutto esercita la creatività gioiosa che non si accontenta: a Napoli non basta mettere insieme il pranzo con la cena, ma occorre fare del cibo, come della vita, un boccone di piacere. È così che la tradizione popolare, ingegno del poco e del niente, ha corso accanto ai percorsi aristocratici della corte borbonica, segnata dall’influsso spagnolo ma soprattutto francese, in piatti sontuosi come i timballi, i sartù, o la pasticceria raffinatissima. La cucina napoletana è una cucina che si arrangia meglio di qualsiasi altra, ma che in nessun caso si accontenta.

Venerdì 17 maggio ore 16.30 – Peregolibri, via dei Mille 25
Elena Mearini, Felice all’infinito.
Giulio Perrone editore

Felice è un ragazzino diverso dagli altri, più leggero del normale, sia nel corpo che nella testa. Magrissimo e con un modo di pensare assai bizzarro, diventa facile bersaglio per i bulli della scuola che lo chiamano l’Alieno. La sua è una quotidianità un poco magica e molto solitaria, condivisa in parte dalla nonna Lea, vivace anziana appassionata di cucina, colei che cura ogni tipo di male con il buono di torte e merende varie. La passione culinaria della nonna riuscirà a contagiare Felice, facendo nascere in lui l’ amore per i fornelli. In poco tempo, la gente attorno scoprirà quale incredibile talento da cuoco si nasconda nel suo cuore e nelle sue mani. Felice comincia allora a impegnarsi per quella che considera una vera missione da supereroe: cucinare piatti speciali, capaci di rendere gli umani più buoni, meno cattivi nei confronti dei diversi, meno ostili agli Alieni.

Venerdì 24 maggio ore 21.00 – Peregolibri, via dei Mille 25
Paolo Godina
La dieta anti Lemme.
Booksprint edizioni
Il libro analizza in primis “la dieta del cioccolato”, approccio innovativo dai risvolti sorprendenti. Si discutono, poi, i punti in comune con regimi dietetici per lo più fallimentari, passando in rassegna i capisaldi delle teorie del noto e fantasioso Dottor Lemme, che propone diete inusuali e stravaganti, che non possono non essere contestate e, perciò, contrapposte al metodo e all’esperienza utilizzati, con successo e da anni, dal Dottor Godina. Il testo è ricco di esempi legati alla sua esperienza professionale: confronta e analizza, con scienza e coscienza, alcuni dei menù proposti dal Dottor Lemme. Il metodo del Dottor Godina punta, in particolare, “al mantenimento dei risultati… Il problema più grosso delle diete”. Al contrario del Dottor Lemme, Godina ritiene che il cibo non è un farmaco e che più che dieta ed attività fisica sono importanti “corrette regole alimentari e un cambiamento delle cattive abitudini”. A suo avviso, “si dimagrisce anche senza attività fisica, ma l’esercizio fisico rappresenta un valido aiuto, oltre che uno strumento di promozione della salute”.

Sabato 25 maggio ore 17.30 – Canonica di San Salvatore, via Castello
Maurizio Pratelli con Dan Lerner
Vini e Vinili, Gaber & Champagne.
Arcana editore
Ovviamente non solo Gaber e non solo Champagne ma un viaggio Oltralpe con una colonna sonora tutta italiana per chiudere la trilogia di Vini e Vinili, che nei due volumi precedenti si era concentrata sui piccoli vignaioli del nostro Paese, prima accompagnati dalle canzoni americane e poi da quelle inglesi. Per compensare le nobili bottiglie transalpine occorreva una provocazione musicale: così Maurizio Pratelli e Dan Lerner si sono concessi ai “francesi che si incazzano”, per dirla con Paolo Conte, servendo vino con una colonna sonora tutta italiana. Infine, compromessi da una sottile seduzione per i nostri vignaioli, hanno lasciato aperto un piccolo sentiero che ci riporta ancora in Italia. Gaber & Champagne è il terzo volume di una serie amatissima e dal culto sempre crescente.

Venerdì 31 maggio ore 21.00 – Peregolibri, via dei Mille 25
Marco Agostini
Universo BBQ. Tutto quello che devi sapere sul vasto e affascinante mondo delle grigliate.
Gribaudo editore
Griglia e BBQ sono fra gli argomenti più di moda, in particolare quando si avvicinano la primavera e l’estate, ma saper grigliare alla perfezione non è semplice. Questo libro nasce sfruttando il know-how di uno dei maggiori esperti di griglia in Italia, autore del blog thebarktenders.com e punto di riferimento. Come agisce il calore in un grill? Quali sono le differenze fra la cottura diretta e indiretta, e fra barbecue e grilling? È meglio acquistare un barbecue a carbone, a gas o elettrico? Qual è l’attrezzatura indispensabile? Come affumicare la carne o il pesce? Creato dal grill master Marco Agostini, Universo Barbecue è un lungo viaggio dedicato al mondo della griglia, pensato per chi è alle prime armi, ma anche per i più esperti.

Venerdì 7 giugno ore 21.00 – Peregolibri, via dei Mille 25
Giovanni Santambrogio
Storia, leggende e viaggiatori di Brianza. Con il Journal du voyage di Stendhal.
La vita felice edizioni
Il grande romanziere Stendhal, con il breve ma prezioso Journal du voyage dans la Brianza, l’ha collocata negli itinerari suggestivi del Grand Tour segnalandola come un angolo di unica bellezza. Anche l’inglese Richard Bagot, circa un secolo dopo, percorse questo territorio. Aveva letto uno scritto di Giuseppe Baretti, il critico italiano molto conosciuto a Londra. Diceva: “La Brianza è il più delizioso paese di tutta l’Italia… in questo vaghissimo paese, ovunque si porti lo sguardo, non si scorgono che paesaggi ornati di tutte le grazie campestri”. Che origini ha la Brianza e perché ha così tanto interessato i Celti, i Romani, i Longobardi, i Francesi e gli Spagnoli? Come mai è diventata una terra di ville, vigneti e bachicoltura? E perché lo scrittore Carlo Emilio Gadda, che in Brianza ha ambientato La cognizione del dolore, è arrivato a scrivere: questa terra è stata “irrimediabilmente profanata”?

 

LIBRI IN DISPENSA

Post navigation


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *